28 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

Contro il Passarella, una rimonta che vale oro!

19-04-2015 18:09 - News Generiche
LIAPIAVE - PASSARELLA 2-1

LIAPIAVE: Finotto, Polacco, Fiorotto, Gagno, Bortot, Tegon, Menegaldo (st 15´ Bagnara), Pettenà, Vettoretto (st 42´ Abazi), Benetton, Dal Mas. All. Piovesan.
PASSARELLA: Zanucco, Vivan (st 8´ Vio), Cerrato, De Cecco, Burato (st 1´ Furlanetto), Pasian, Carli, Bellotto, Santagata (st 38´ Pescara), Biondo, Sotgia. All. Susic.
ARBITRO: Frascaro di Firenze
RETI: pt 21´ Vivan, 33´ Benetton (R); st 28´ Vettoretto
NOTE: Espulso Sotgia al pt 40´ per doppia ammonizione. Ammoniti Pettenà, Cerrato, Pasian. Spettatori 150 circa

Vittoria più netta di quanto non dica il risultato, quella ottenuta dai nostri ragazzi contro il Passarella. Un 2 a 1 che non rende perfettamente merito alle tante opportunità da rete create nell´arco dei 90´, che ha comunque il potere di consegnare al Liapiave tre punti assolutamente dorati nella corsa che conduce verso i play off. Una lunga corsa a perdifiato, che non ha assolutamente visto esaurire i propri effetti con i risultati di ieri, pur favorevoli alla nostra causa, ma che si protrarrà anche nelle prossime due gare, che i nostri portacolori dovranno affrontare contro due squadre ancora in piena lotta per i propri obiettivi, il Sedico per i play off e l´Opitergina per la salvezza.
IL MATCH: Sin dall´avvio è il Liapiave a prendere in mano la situazione e già all´ottavo si creano i presupposti per un gol che non arriverà solamente per merito dello straordinario intervento a mano aperta di Zanucco, su splendido tiro a rientrare di Benetton. Cinque minuti dopo, ancora protagonista il capitano di casa, con una punizione a giro dai 22 metri che sbatte letteralmente contro l´incrocio dei pali. E´ poi la volta di Menegaldo, il cui colpo di testa su cross da destra di Polacco, non inquadra però lo specchio della porta. Come un fulmine a ciel sereno, a passare al 22´ è il Passarella, con una splendida conclusione dal limite di Vivan, sul quale Finotto non può fare davvero nulla. Punto sul vivo, il Liapiave ci rimette un pò a rimettersi in moto ed in questo frangente a riprovarci è ancora la compagine veneziana, con un tiro da dentro l´area di Sotgia che Finotto argina senza eccessivi patemi d´animo. A poco a poco la squadra di casa riordina comunque le idee ed al 33´ giunge tanto puntuale quanto meritato il punto del pari: sul cross mancino di Fiorotto, Dal Mas prova la deviazione aerea a volo d´angelo e a frenare il pallone diretto verso la porta ci pensa Cerrato, secondo l´arbitro però con il braccio, rilevando quindi gli estremi per la concessione del calcio di rigore. Della trasformazione se ne occupa Benetton, abile a battere da par suo Zanucco, che pure aveva intuito la direzione del pallone. Nella parte restante del primo tempo non succederà quasi più nulla, se non il controverso episodio che vede suo malgrado protagonista Sotgia, ammonito due volte in tre minuti dall´arbitro per una doppia simulazione, che costringe i suoi ad affrontare tutta la ripresa con un uomo in meno. Un vantaggio numerico che galvanizza i padroni di casa, protesi in avanti alla ricerca del raddoppio praticamente per l´intero secondo tempo. Il primo tentativo avviene già dopo 60", con una magia di Benetton di tacco che finisce lemme lemme a fondo campo di pochissimo. E´ poi la volta di Gagno, che dal limite prova a riproporre la prodezza di Vivan del primo tempo, facendo però finire la sfera a lato di un soffio. Al 16´ ad involarsi tutto solo verso la porta è Vettoretto, il cui assist per Dal Mas si rivela però fuori misura, facendo svanire la chiara opportunità da rete, un Vettoretto che comincia a scaldare i motori sin quando, al minuto numero 28, non arriva l´episodio decisivo: a propiziare il gol è dapprima Bagnara, la cui conclusione viene ribattuta dal corpo di un difensore proprio al centro dell´area, da dove l´attaccante di casa trova tempo e modo per esplodere un destro ampiamente fuori portata per Zanucco. Non sazio il Liapiave insiste ancora e dapprima a provarci è Benetton, con un sinistro da fuori che fa letteralmente la barba al palo e poi Bagnara, la cui bordata con il destro fa tremare la traversa. Sulla ribattuta a Dal Mas non riesce il comodo tap in che avrebbe fatto scorrere i titoli di coda con una decina di minuti d´anticipo. Ma, anche stavolta, va più che bene così.......

Fonte: Ufficio Stampa
Eventi

Realizzazione siti web www.sitoper.it