07 Marzo 2021
News
percorso: Home > News > News Generiche

L´Union Pro passa al Giol

20-10-2013 19:37 - News Generiche
Paolo Gagno
LIAPIAVE - UNION PRO 0 - 2

LIAPIAVE: Finotto, Bozzetto, Fiorotto, Gagno, Tegon, Bortot, Pase (st 36´ De Nadai), Tonetto (st 11´ Menegaldo), Abazi, Benetton, Bonotto (st 19´ Asllani). All. Piovesan.
UNION PRO: Noè, Bonotto (st 28´ Teso), Franceschinis, Niero, Franchetto, Stradiotto, Fuxa (st 7´ Baratella), Luise, Nobile (st 38´ Fiacchi), Comin, Ella. All. Feltrin.
ARBITRO: Modesto di Treviso
RETI: pt 21´ Nobile, st 19´ Niero
NOTE: Espulso al 28´ st Bozzetto per doppia ammonizione; Ammoniti Fuxa, Stradiotto, Franceschinis; Spettatori 300 circa.

L´Union Pro passa al "Giol", liquidando il Liapiave con una rete per tempo e confermando il suo status di squadra solida e competitiva, una condizione questa che consentirà agli uomini di mister Feltrin di giocarsi questo campionato da protagonista sino all´ultimo. Un risultato che, dall´altro lato, non ridimensiona comunque il valore del Liapiave, che ha affrontato il match senza alcun timore reverenziale, tenendo per lunghi tratti un buon possesso palla, vanificato solamente dall´eccessiva frenesia in zona gol. Era tanta infatti la voglia nei giocatori di casa di far bella figura in questo importante appuntamento, una tensione che probabilmente ha giocato loro un brutto scherzo nei momenti topici e che ha consentito alla smaliziata ed esperta squadra ospite di capitalizzare al meglio le proprie occasioni, per incamerare alla resa dei conti l´intera posta in palio. Poco male: come spesso si dice in questi casi, l´importante è trarre da ogni evento, positivo o negativo che sia, la giusta lezione e continuare a lavorare in maniera certosina, proprio come è stato fatto sino ad oggi.
LA PARTITA: Le quattro assenze forzate di Cittadini, Lopez, Mattiuzzo e Vettoretto danno il la ad una formazione, quella stilata da mister Piovesan, che contempla dall´inizio l´ingresso di ben cinque fuori quota; dall´altro lato mister Feltrin, costretto a rinunciare al solo Lorenzatti, recupera Niero in mezzo al campo e per il resto si affida ai soliti noti. L´avvio è di marca locale, con un calcio d´angolo conquistato da Abazi, subito in forte pressione sulla retroguardia locale. La battuta arcuata di Benetton, premia lo stacco dello stesso centravanti locale, che manca di precisione nella deviazione sotto porta. Pochi minuti dopo è Pase a provarci dal limite, ma la sua botta secca è troppo centrale per impensierire Noè. Si giunge al 21´ ed al primo vero tentativo gli ospiti passano a condurre: calcio di punizione di Franceschinis per la testa di Franchetto che manca la deviazione, la palla esce dall´area e viene raccolta da Stradiotto, il cui contro cross è un cioccolatino per Nobile che dal limite dell´area piccola anticipa tutti e mette dentro di testa. Il Liapiave non ci sta e prova a reagire, collezionando una serie infinita di calci d´angolo (alla fine saranno ben 11, a testimonianza della pressione comunque esercitata in zona offensiva dai padroni di casa) ed andando ad un tiro con Bonotto dal limite che Noè non fatica ad arginare. Il primo tempo si chiude così 1 a 0 e la ripresa si apre con un episodio estremamente dubbio: palla filtrante in area per lo scatto di Bonotto, che anticipa l´uscita bassa di Noè e finisce poi a terra per un contatto con lo stesso estremo ospite. Per l´arbitro è tutto regolare. Il Liapiave insiste ma non trova il varco giusto ed anzi, è l´Union a pescare la matta del raddoppio al 19´, con Niero, che recupera palla sulla trequarti, avanza sino ai 20 metri e scaglia poi un bolide che bacia la faccia interna dell´incrocio dei pali e finisce in fondo al sacco. Una vera e propria mazzata, alla quale la squadra di casa prova a rispondere subito con uno splendido tocco sotto di Pase per il neoentrato Asllani, bravo nel controllo aereo con il petto, ma non altrettanto nell´accelerare la conclusione sul ritorno prorompente di Franchetto. Il decisivo colpo di grazia sulle speranze del Liapiave arriva tuttavia al 28´, allorquando Bozzetto, autore di un fallo tutto sommato veniale, viene ammonito per la seconda volta da Modesto, finendo anzitempo negli spogliatoi. Sotto di due gol e di un uomo, la situazione si fa dura, anche se la buona volontà non manca, tanto che, sia da lontano che da vicino ci provano a turno Abazi, Tegon, Gagno e Fiorotto, purtroppo senza esito. Sull´altro fronte invece, a campo aperto anche l´Union Pro avrebbe in più di qualche circostanza la possibilità di siglare il terzo gol, ma il risultato giustamente non assume proporzioni troppo ampie per quello che in effetti le due squadre avevano lasciato intravedere sul campo.

Fonte: Ufficio Stampa
Eventi

Realizzazione siti web www.sitoper.it