25 Luglio 2021
News
percorso: Home > News > News Generiche

Partita vibrante, ma il risultato non si schioda

22-01-2012 17:06 - News Generiche
Il gran volo di Bianchet sulla conclusione da lontano di Tessaro
LIAPIAVE - UNION RIPA LA FENADORA 0-0

LIAPIAVE: Zilio, Bortot, Tonetto, Albanese, Cittadini, Pase, Abazi, Tessaro, Cattelan, Benetton, Paladin. All. Piovesan
RIPA LA FENADORA: Bianchet, Ponik (pt 27´ Tavernaro), Andrighetti, Rimoldi (st 30´ De Checchi), Nicoletto, Tomasi, Solagna, Mastellotto, Tormen, Gheller (st 26´ Herrera), Spinelli. All. Parteli.
ARBITRO: Perissinotto di S. Donà di Piave
NOTE: Ammoniti Abazi, Bortot, Ponik, Tomasi, Tormen, Solagna. Spettatori 300 circa.

In riferimento ad una gara giocata a qualche chilometro da qui, i giornali hanno parlato di un pubblico addirittura in visibilio, qui al "Giol" gli spettatori non sono forse andati "in visibilio", ma di certo se ne sono tornati a casa soddisfatti, per aver goduto di uno spettacolo divertente, nel contesto di una gara tiratissima, giocata da ambo le compagini su ritmi vertiginosi e con continui capovolgimenti di fronte, dando ancora una volta conferma di quella che è la bontà di entrambe le rose, assolutamente meritevoli della posizione di classifica attualmente occupata.
Diciamolo subito, il risultato di parità non fa una grinza, di certo, se c´è una squadra costretta ad accettare il verdetto con un pizzico di amarezza, questa è sicuramente il Liapiave, quanto meno per il buon numero di occasioni create nell´arco dei 90´, non andate a buon fine il più delle volte, per questione di centimetri. Il rammarico vero in realtà, parte dalla rete annullata ad Alberto Paladin alla metà del primo tempo, per un presunto fuorigioco parso in realtà assai dubbio, soprattutto ripensando alla dinamica dell´azione, con l´autore del gol giunto dinnanzi a Bianchet dopo un pregevole dai e vai sullo stretto con Michele Benetton. Da menzionare poi anche le tre occasioni avute da Cattelan, autore nel primo tempo di una conclusione fuori misura dopo una bella sponda di petto di Paladin e nella ripresa di un bel colpo di testa dal limite dell´area piccola che è finito alto, su cross da destra di Abazi ed infine di una bordata mancina dai 20 metri, che ha fatto letteralmente la barba all´incrocio dei pali.
Come dimenticare poi le due staffilate sempre da lontano di Tessaro, una di destro e una di sinistro, la prima ben arginata da un colpo di reni di Bianchet, mentre la seconda fuori di un soffio alla destra dell´estremo bellunese.
E il Ripa? Sul piano delle occasioni, la formazione di Parteli ha probabilmente creato qualcosa in meno, in realtà ogni qualvolta sopravanzava la linea mediana del campo, la formazione bellunese palesava tutta la propria pericolosità, mettendo in moto le bocche da fuoco Tormen, Gheller, Solagna & compagnia, che hanno sempre dato filo da torcere alla nostra difesa. Tra i vari tentativi, citiamo sicuramente quelli di Mastellotto nel primo tempo, con una spaccata da due passi finita fuori di un soffio e con una conclusione mancina dal vertice dell´area che ha costretto Zilio al grande intervento a mano aperta e poi quelli sul finire da parte di Tormen, con un destro a giro che si è spento di un palmo sopra la trasversale ed infine quello del giovane Tavernaro, sul quale Zilio si è rifugiato in angolo.
Come pronosticato sin dalla vigilia, si è trattato dunque di un match vibrante, che ha lasciato intatte le rispettive posizioni in graduatoria dando slancio al morale ed alle aspettative future di ambo i team, in un torneo che si sta facendo sempre più interessante soprattutto in chiave secondo posto, se è vero com´è vero che dopo la giornata di ieri, il numero delle contendenti pare in netto aumento.

N.B. Quanto prima, grazie al lavoro di Nicola Perissinotto, pubblicheremo tutte le foto più belle della gara di ieri.


Fonte: Ufficio stampa
Eventi

Realizzazione siti web www.sitoper.it