27 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

Spirito, tenacia, cuore: così si vince!

01-02-2016 11:27 - News Generiche
UNION S. GIORGIO SEDICO - LIAPIAVE 0-1

UNION SGS: Bee, Polesana (st 25´ D´Incà), Longo, Moretti, De Checchi, Rimoldi, Paier (st 32´ Paganin), Armenise, Simoni, Pilotti, Padovan. All. Zoppas
LIAPIAVE: Fuser, Bortoluzzi, Fiorotto, Gagno (st 42´ Basei), Bortot, Cittadini, Abazi, Pettenà, Manzan (st 23´ Dal Mas), Tegon, Furlan. All. Piovesan
ARBITRO: Mariano di Mestre
RETE: pt 9´ Tegon
NOTE: Ammoniti Paier, Padovan, Armenise, Manzan, Furlan, Abazi. Calci d´angolo 3 a 2 per l´Union. Spettatori 200 circa.

Magari non al cuore, ma al cervello fa sicuramente bene vincere così ogni tanto. Con alle spalle il fardello del solo punto conquistato nelle ultime tre gare e con il fiato sul collo delle dirette inseguitrici, un Liapiave deciso, concreto e compatto è riuscito nella non facile impresa di espugnare il difficile campo di Sedico. Una giornata iniziata sotto i migliori auspici, con un gol segnato a freddo e con una brillante gestione della gara nella prima mezzora, poi i padroni di casa sono cresciuti, spinti dal desiderio di pareggiare sia per dare continuità al proprio filotto di risultati utili consecutivi (cinque), sia per uscire da una situazione di classifica non propriamente semplice. Un ardore che ha costretto la nostra squadra ad arretrare il proprio baricentro e a tirare fuori una caratteristica importante di questi tempi ed in principal modo in questo campionato dallo struggente equilibrio: la capacità di saper soffrire. In questo meccanismo vi sono entrati tutti a capofitto, dai difensori, ai centrocampisti, ma anche agli attaccanti, una compattezza ed uno spirito di sacrificio che alla fine ha dato i propri frutti e che deve lasciare a tutto il nostro spogliatoio un monito importante su quella che dev´essere la strada da intraprendere da qui a fine stagione. Contando di riavere tutti a disposizione quanto prima, perché in tanti le cose vengono sicuramente meglio!
IL MATCH: Avvio di grande personalità del Liapiave, vicina alla rete già dopo un paio di minuti con Furlan, il cui sinistro a botta sicura viene rimpallato da un difensore in spaccata. Al 9´ l´episodio che decide il match: punizione dal limite di Furlan respinta dalla barriera, sulla ribattuta Gagno arcua una perfetta palombella a premiare l´inserimento da dietro di Mattia Tegon, straordinario ad evitare Bee col primo controllo, per poi depositare la sfera nella porta rimasta inevitabilmente sguarnita. Non pago il Liapiave insiste ancora ed al quarto d´ora Furlan s´inventa un missile terra aria dal limite che Bee respinge miracolosamente in corner. Pochi istanti dopo, splendido sviluppo della manovra sul settore mancino che porta Fiorotto al cross e Manzan a mancare di pochissimo la deviazione decisiva da due passi. Al 25´ calcio piazzato dalla tre quarti di Tegon e deviazione aerea in precario equilibrio di Abazi che finisce sopra la traversa di pochissimo. A piccoli passi il Sedico comincia a carburare e le prime avvisaglie di reazione giungono in chiusura di primo tempo con un tiro dal limite di Pilotti a lato di un soffio. E´ nella ripresa tuttavia che i bellunesi aumentano i giri del proprio motore, affidandosi soprattutto a una lunga serie di spioventi in area su cui i nostri difensori riescono comunque a far sempre buona guardia. Da ricordare vi sono soprattutto i tentativi di Pilotti e Padovan dal limite, in ambo i casi fuori dallo specchio e il colpo di testa di Longo ben arginato dal tuffo plastico di Fuser. Di contro, su azione di rimessa, Furlan dapprima tenta un ficcante tiro cross che Bee fa suo non senza fatica e poco dopo, sempre Furlan, ben imbeccato dall´appena entrato Dal Mas, supera di slancio l´uscita dell´estremo di casa, senza trovare tuttavia tempo e modo per scaricare la sfera in fondo al sacco. Al tiro, a 90´ scoccato, ci va anche il giovane esordiente Basei, con un destro secco dal limite che costringe Bee alla deviazione. Il tutto sino al 94´, allorquando l´ennesimo cross scodellato in area da origine ad un vero e proprio flipper impazzito che libera Paganin a due metri dalla porta: prodigiosa in questo caso la parata salva risultato di Fuser.

Fonte: Ufficio Stampa
Eventi

Realizzazione siti web www.sitoper.it