28 Gennaio 2021
News
percorso: Home > News > News Generiche

Dal Mas, Benetton e Bagnara: il Barison è nostro!

12-04-2015 21:05 - News Generiche
VITTORIO FALMEC - LIAPIAVE 1-3

VITTORIO FALMEC: Tonon, Marson (st 15´ Spader), Sagna, D´Arsiè, Villotta (pt 22´ Maiutto), Moretto, Cervesato, Scarabel, Della Bianca, Bravo, Posocco (st 25´ Agostini). All. Ton
LIAPIAVE: Finotto, Polacco, Fiorotto, Gagno (pt 42´ Pase), Bortot, Tegon, Menegaldo (st 20´ Bagnara), Pettenà, Vettoretto (st 41´ Abazi), Benetton, Dal Mas. All. Piovesan
ARBITRO: Cecchin di Bassano del Grappa
RETI: pt 26´ Dal Mas; st 7´ Benetton (R), 21´ Bagnara, 32´ Della Bianca
NOTE: Ammoniti Bravo e Cervesato. Calci d´angolo 3 a 1 per il Liapiave. Spettatori 300 circa.

Più di così, a questa temutissima domenica, non si poteva proprio chiedere. Alla larga e meritatissima vittoria conquistata nel sempre splendido palcoscenico dello Stadio "Barison", si uniscono il terzo posto in solitaria, complice il mezzo passo falso della Liventina ed il rientro, quasi a pieno regime, dei due attaccanti Bagnara ed Abazi, due armi in più che il Liapiave potrà giocarsi nel migliore dei modi in questo finale di stagione. Aldilà dei singoli comunque, ciò che oggi è balzato principalmente all´occhio, è stata la prova d´insieme di un collettivo affiatato e coeso, partito sin dai primi minuti col chiaro intento di giocarsi la propria gara a viso aperto e senza alcun timore reverenziale, un atteggiamento propositivo che ha portato i propri frutti, se è vero com´è vero che l´unico piccolo calo di tensione la squadra di Piovesan se lo è concesso solamente dopo il 3 a 0, permettendo comunque al Vittorio di segnare solamente una rete. Ed è su questi presupposti che il Liapiave ha dunque incamerato il nono successo esterno stagionale, un vero e proprio record per la nostra società, che mai aveva vinto così tante gare lontano da casa in un campionato!
IL MATCH: Sin dall´avvio, a comandare le operazioni è il Liapiave e la prima occasione capita già dopo una manciata di minuti, in occasione di un calcio d´angolo che porta al tiro prima Tegon e poi Pettenà, il cui tentativo dal limite è però agevolmente arginato da Tonon. Per gran parte del primo tempo poi, la gara ristagna all´altezza della zona nevralgica senza particolari sussulti, sin quando, al minuto numero 26, non arriva la perla che sblocca la gara: splendido filtrante di Fiorotto a premiare lo scatto di Dal Mas, bravo ad eludere l´intervento di un sorpreso Marson, a convergere verso il centro e a trovare poi il palo più lontano con un tiro a giro di destro sul quale l´estremo vittoriese non può proprio arrivare. Sopra di una rete, ci si attende la veemente reazione dei padroni di casa, reazione che in realtà non arriverà proprio mai, tant´è vero che l´unico tentativo degno di nota viene operato alla mezzora da Della Bianca, con una palombella dal limite che finisce abbondantemente sopra la traversa. Sul finire del primo tempo si fa male Gagno, il quale stringe i denti per qualche minuto ma è poi costretto a dare forfait, favorendo l´inserimento in campo già prima dell´intervallo di Alessandro Pase. Un cambio che non muta di una virgola gli scenari tattici di una gara che anche in apertura di ripresa vede sempre il Liapiave comandare le operazioni: naturale e scontato, che prima o poi arrivi il gol del raddoppio, propiziato in realtà da un rigore alquanto dubbio, che Benetton trasforma nel migliore dei modi spiazzando Tonon. E dal 2 a 0 al 3 a 0 il passo è fatalmente breve: splendido l´assist di Benetton a beneficio dell´appena entrato Bagnara, che una volta in area non ha difficoltà a superare in diagonale la disperata uscita del portiere di casa. A questo punto i giochi sembrano ampiamente fatti ed alla fine in realtà sarà proprio così, solamente che, mosso da un pizzico di orgoglio, il Falmec prova a rientrare in partita intorno alla mezzora grazie ad una poderosa capocciata di Della Bianca, sin li magistralmente contenuto dal lavoro dell´intero pacchetto arretrato, un gol che conferisce un pizzico di linfa in più ai rossoblu di casa, pericolosi in realtà solamente un´altra volta prima del triplice fischio, con una mezza girata volante di Cervesato dal limite, che non finisce molto lontana dall´incrocio dei pali.

Fonte: Ufficio stampa
Eventi

Realizzazione siti web www.sitoper.it