31 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

Il Liapiave "frana" nel pantano di Moriago

04-11-2012 18:51 - News Generiche
Davide Corocher, all´esordio stagionale
ARDITA QDP - LIAPIAVE 2-0

ARDITA QDP: Savietto, Martignago, Gazzola, Galardi, Merotto, Rizzotto, Simeoni (st 23´ De Vido), Coppola, Bernardi (st 31´ Bandiera), Vettoretto (st 40´ Mognon), Vettoretti. All. Bottega
LIAPIAVE: Schincariol, Bortot, Furlan, Gagno, Cittadini, Albanese, Bonotto (st 23´ Abazi), Tessaro (st 28´ Pase), Cattelan, Benetton (st 35´ Corocher), Paladin. All. Piovesan
ARBITRO: Tomasello di Castelfranco V.to
RETI: st 26´ Martignago, 29´ Bernardi.
NOTE: Campo ai limiti della praticabilità. Ammoniti Coppola, Merotto, Tessaro, Albanese. Spettatori 150 circa

Giornata difficile. Sotto tutti i punti di vista. Un tempo da lupi, un campo da far venire i brividi, un risultato da dimenticare, una classifica che comincia a farsi pericolosa. Stando quanto meno ai pronostici della vigilia del torneo, che ci volevano tra i protagonisti. La realtà attuale dipinge invece un quadro un pò diverso: al momento i protagonisti sono altri e con merito, evidentemente, quanto meno per la continuità di rendimento palesata sin qui. Domenica prossima a S. Polo ci sarà Liapiave - Piovese: doveva essere una delle gare chiave per il campionato, ma sommando i punti conquistati dalle due contendenti succitate, non si arriva nemmeno a mettere assieme quelli racimolati sino ad oggi dalla sola capolista Vittorio. Di conseguenza il match clou domenica prossima si sposterà da qui di pochi chilometri e andrà in scena più precisamente a Motta di Livenza, laddove si affronteranno Liventina e Vittorio. Della serie, peggio di così si muore. Ed è questo che i nostri giocatori devono capire, solo questo. Se arrivano a capire questo, il margine di recupero è ancora apertissimo, anche perchè di gare da qui alla fine ne mancano un´infinità. Questo messaggio deve però entrare nella testa di ognuno, altrimenti a forza di dire che c´è un sacco di tempo per recuperare, ci troveremo a campionato finito senza nemmeno essercene accorti.
Intendiamoci bene, quelle sopraesposte non vogliono essere accuse particolari, anche perchè l´impegno sin qui non è davvero mai mancato, da parte di nessuno, vogliono solo essere messaggi che possano dare uno stimolo e un volto nuovo alla parte rimanente del torneo. La fiducia infatti c´è, è ancora intatta ed è basata sul tenore di prestazioni sempre e comunque soddisfacenti, se è vero com´è vero che sin qui, e sfido chiunque a dire il contrario, sul piano del possesso e delle occasioni, siamo sempre stati superiori all´avversario di turno. Se tuttavia abbiamo già incassato tre sconfitte in appena otto gare, vuol dire che qualcosa manca ed è su questo qualcosa che si dovrà continuare a lavorare a testa bassa, senza guardare ciò che fanno gli altri e provando a stringere all´interno dello spogliatoio, un´alleanza ancora più forte, un affiatamento che potrà tornare sicuramente utile, soprattutto nei momenti di appannamento come può essere quello attuale.
LA GARA DI MORIAGO: Parlare di gara, su un campo così difficile, appare arduo e un pizzico avventato. Nonostante le difficoltà oggettive, anche stavolta abbiamo comunque provato ad impostare il nostro gioco, tanto che nel primo tempo, almeno in due nitidissime occasioni con Cattelan e Bonotto, abbiamo sfiorato un vantaggio che non sarebbe stato immeritato. Nella ripresa, ci siamo poi trovati ad attaccare nella metà campo peggiore e costruir gioco è divenuto praticamente impossibile, nonostante questo nella prima metà il pallino l´abbiamo avuto sempre noi, sin quando, a cavallo della mezz´ora, ci siam trovati senza quasi accorgerci, sotto di due reti, delle quali la prima, viziata da un evidentissimo fallo in mischia su Albanese (risolta sotto misura da Martignago) e la seconda in azione di contropiede rifinita da Vettoretto e chiusa di testa da Bernardi.
Le note positive della giornata riguardano il ritorno al calcio giocato di Alessandro Pase, autore del primo quarto d´ora stagionale e l´esordio in campionato del giovane attaccante della juniores Davide Corocher.

Fonte: Ufficio Stampa
Eventi

Realizzazione siti web www.sitoper.it